FANDOM


Non puoi salvare qualcuno che non vuole essere salvato.
Marcus Kane

Gimme Shelter è il settimo episodio della Quarta stagione di The 100. E' il cinquantaduesimo episodio della serie in generale. E' andato in onda il 22 marzo 2017. E' stato scritto da Terri Hughes Burton & Ron Milbauer e diretto da Tim Scanlan.

L'arrivo di Clarke sull'isola prende rapidamente una drammatica svolta. Nel frattempo, Bellamy cerca di evitare ulteriori tragedie ad Arkadia.[1]

Trama

L'episodio si svolge con Octavia in sella a un cavallo nel bosco. Lei scende da cavallo e si nasconde dietro un albero. Inaspettatamente, vediamo Ilian che cammina attraverso i boschi e si avvicina al suo cavallo. Lei salta fuori e si mette gli un coltello alla gola. Ilian dice che può aiutarla, ma lei non vuole. Dice che glielo deve per avergli risparmiato la vita, poi sentono dei fulmini e la pioggia cade. Ilian parla di una strana pioggia, e Octavia gli ordina di salire sul cavallo. I due cavalcano via.

Ad Arkadia, Kane dà il benvenuto a Bellamy. La pioggia acida inizia a fluire pesantemente, mentre l'allarme suona in tutto il campo, segnalando a tutti di correre dentro per ripararsi. Mentre cerca di correre verso il riparo, Harper spinge uno dei cittadini di Arkadia che ha tentato di aiutarla, facendola cadere a terra e iniziando a urlare in agonia, mentre la gente lo superava, non aiutandolo. Bellamy lo nota e chiede a Kane di aiutarlo a salvare il cittadino caduto. Riescono a farlo entrare. Comunque, Bellamy vuole trovare Octavia, ma Kane lo ferma. Gli ricorda che sua sorella è intelligente e può prendersi cura di se stessa. Durante la loro conversazione, il panico sta crescendo all'interno del rifugio. Tutti si stanno spogliando e si bagnano con l'acqua per togliere la pioggia che brucia dai loro corpi.

Nei boschi Octavia e Ilian si spogliano e iniziano a bagnarsi con acqua fresca. Octavia quindi dice a Ilian di fare un fuoco perché è chiaramente bravo a farlo.

Nel laboratorio di Becca, Clarke arriva e incontra sua madre. Parlano di come l'idrazina sia l'unica speranza. Abigail dice a Clarke che Raven è attualmente sotto sedativi e che ha bisogno di prendersela comoda. Si avvicina al microscopio e inizia a guardare il midollo osseo. Le rivela che le iniezioni con il midollo osseo di Luna possono dare loro il sanguenero. Tuttavia, avranno bisogno di un soggetto di test umani e non sanno ancora chi usare. Emori sente tutto.

Di ritorno ad Arkadia, Harper si avvicina a Kane e si accusa di non aver aiutato il cittadino. Al momento non sta bene e le possibilità che sopravviva sono molto scarse. Kane parla con Bellamy il quale decide di indossare una tuta protettiva e di uscire nella pioggia nera. Tuttavia, non riesce a convincerlo a desisterlo e Bellamy corre verso un rover. Parla con Kane e decide di guidare nel bosco dopo aver sentito una chiamata di soccorso. Kane tenta di fermarlo, ma fallisce. Bellamy si allontana nella pioggia nera.

Nel frattempo, Clarke ed Emori stanno camminando nel bosco parlando di pioggia nera. Emori dice che è arrabbiata perché tutto sta fallendo. Dice che gli Skaikru sono fortunati ad averla. Si avvicinano alla casa di Becca, dove Murphy sta ascoltando musica ad alto volume. Sta anche cucinando e mostra a Clarke che sta diventando un ottimo cuoco. Proprio mentre Clarke va a fare una doccia, Emori dice a Murphy che devono andarsene. Lei gli dice che Skaikru sta per sacrificare un essere umano per testare una soluzione sanguenero. Emori sente che il sacrificio sarà lei. Tuttavia, John le dice di calmarsi e che tutto andrà bene.

Alcuni secondi dopo, vediamo Clarke entrare in una camera da letto e guardarsi allo specchio. Poi entra nella doccia e si lava. In seguito, si distende sul letto e chiude gli occhi. All'improvviso, sente rumori misteriosi nella villa. Afferra la sua pistola per indagare e alla fine entra in un ufficio. Nota un buco nella finestra. Murphy entra e le dice di non aver paura, ma Clarke lo avverte che qualcuno è nella villa.

All'improvviso, vediamo Emori che prende il cibo in cucina. Un misterioso uomo la attacca, ma Clarke e Murphy si fanno avanti per trattenerlo. Una volta fermato, Emori inizia a interrogarlo e vuole ucciderlo. Murphy le impedisce di farlo, ma Emori chiede improvvisamente dove sono gli "altri". Decidono di legarlo per l'interrogatorio. Tuttavia, Emori dice a Clarke che una volta che ha finito di parlare, lo ucciderà.

Nel bosco, vediamo Bellamy guidare il rover mentre parla con Mark e Peter. Mark e Peter sono coloro da cui proviene il segnale di soccorso. Mentre guida per salvarli, il rover rimane bloccato nel fango e non riesce a continuare. Kane gli dice che non potrà raggiungerli. Bellamy informa Mark e Peter che non può raggiungerli. Bellamy inizia a battere il volante per la frustrazione.

Di ritorno alla casa di Becca, vediamo Clarke che si prende cura delle piccole ferite di Emori. Emori giura che si vendicherà del loro prigioniero per i crimini contro la sua famiglia. Clarke afferma di comprendere la difficile situazione di Emori, ma non le crede. Lei spiega l'esilio dal suo clan durante la sua giovinezza e Clarke ammette che lei non lo capisce. Tuttavia, capisce che uccidere non è l'unico modo.

Durante la conversazione, John Murphy sta parlando con il prigioniero, ma Emori entra e gli dà un pugno in faccia. Clarke vuole che smetta perché lo ucciderà. Lei dice: "E se la sua morte potesse salvarci tutti?" Diventa chiaro che Clarke vuole usarlo come cavia della soluzione sanguenero.

Tornata nei boschi con Octavia e Ilian, continua a non parlargli. Ilian cerca di continuare la conversazione, ma Octavia si concentra sull'affilatura del coltello. Ilian inizia tristemente a ricordare la responsabilità per la morte della sua famiglia. Vuole poi conoscere la triste storia di Octavia, ma lei gli dice di stare zitto. Nonostante la sua riluttanza, Ilian sente che il precedente comportamento di Octavia prima di diventare un killer esiste ancora. Tuttavia, lei gli dice che ha torto. Quindi procede camminando verso la pioggia nera, ma Ilian la ferma. Poi bacia Ilian e gli dice di farle provare qualcos'altro. I due fanno l'amore e, per un momento, lei non pensa a Lincoln.

Qualche istante dopo, nel laboratorio di Becca, vediamo Abby che cammina e la sua mano sta tremando. Riceve il contatto di Kane e spiega che la pioggia nera è lì. Dice che hanno bisogno di una soluzione e che potrebbe averne trovata una. Tuttavia, per trovarlo, ha bisogno di fare qualcosa che non vuole veramente fare. Se prenderà una vita per trovare una cura, questo la renderà un'assassina? Kane dice che non sa come rispondere. Improvvisamente, vediamo che il cittadino caduto è finalmente morto e Harper piange su di lui.

Più tardi, vediamo Bellamy tentare di contattare Mark e Steve. Tuttavia, non riceve risposta. Kane gli dice che ha fatto quello che poteva. Bellamy inizia a lamentarsi di come sta fallendo tutti, inclusa Octavia. Kane gli ricorda che ha fatto tutto il possibile per lei. Dice che Bellamy non può salvare qualcuno che non vuole essere salvato. Inoltre, sua madre sarebbe orgogliosa dell'uomo che è diventato. Bellamy ricorda aspramente che è stato lui a espellere sua madre.

Tornati alla grotta con Octavia e Ilian, la vediamo svegliarsi e rendersi conto che la tempesta è finita. Ilian le dice che sta andando a casa. Prende un paio di pugnali ricurvi, e li getta in una pozzanghera. Octavia raggiunge Ilian nella foresta e gli dice di salire sul cavallo. Lei offre di portarlo a casa e lui accetta.

Finalmente, al laboratorio di Becca, vediamo Abby iniettare il prigioniero della villa. Abby mette l'ago dentro di lui mentre Roan, Clarke e Jackson guardano. Anche Murphy ed Emori guardano. Lei ammette che il prigioniero non è nessuno che lei conosce. Il suo piano era semplicemente quello di far sperimentare qualcun altro al posto di lei.


Cast

Principale

Apparizioni

  • Jesse James Pierce come Louis
  • Peter Flemming come Mark Colton (solo voce)
  • Joseph John Coleman come Taggart
  • Tori Katongo come Donna dell'Arca
  • Paul Dzenkiw come Uomo dell'Arca

Citazioni

Emori: Non farci caso. Mi dispiace che la missione qui sia fallita. Spero che tua madre trovi un'altra soluzione. Tu sei come lei. Disposta a tutto per salvare il tuo popolo. Sono fortunati ad averti.
Clarke: Non lo facciamo solo per noi.
Emori (a Clarke): "Sono stata cacciata dal mio clan quando ero piccola proprio per questo. Sono stata costretta a rubare per sopravvivere. Costretta ad uccidere. Tu sei stata amata. Ti hanno detto che eri speciale. Io sono stata buttata via come spazzatura. Tu non conosci la mia sofferenza."
Abby: "Se sacrifico una vita per trovare una cura diventerò un'assassina?"
Kane (a Abby): "Uccidere non dovrebbe mai essere facile, ti pare? Spero non sia facile per te. E' la tua umanità la tua grande forza. A volte ci serve un altro tipo di forza, dobbiamo sopravvivere. Poi potremo ritrovare la nostra umanità."
Bellamy: "Non so proteggere nessuno. Non ho protetto mia sorella. Era mia responsabilità e ho fallito. Mia madre è morta e Octavia era lì tra le mie braccia. Così indifesa. E adesso... se lei, se lei è ancora viva...che, che cosa... io..."
Kane: "Non hai fallito, Bellamy. Tu hai fatto tutto il possibile per lei. Sei venuto sulla terra per lei. Non puoi salvare chi non vuole essere salvato. Tua madre sarebbe fiera dell'uomo che sei ora. Io lo sono."
Bellamy: "Hai giustiziato mia madre."
Kane (to Harper): "Who you want to be, doesn't always win."
Bellamy (to Kane): "You can't save someone who doesn't want to be saved."
Clarke (to Abby): "None of us like what we're doing here. Not even to someone like him. But if this works, we survive. Simple as that."
Murphy (to "Baylis"): "I love someone who was beaten a tortured by a man who thought he could control her."
Murphy (to Emori): "Now that, that's a survivor's move."

Note e Curiosità

Conteggio Morti

  • 3 del Popolo del Cielo – esposizione a radiazioni dalla pioggia nera
    • Louis
    • Mark Colton
    • Peter Colton (figlio di Mark e uno dei 100)

Dietro le quinte

Multimedia

Musica

Immagini

Video

Vedi anche

Riferimenti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.