FANDOM


Yu gonplei ste odon.
— Anya a Clarke.

Anya era un personaggio ricorrente nella prima e nella seconda stagione. E' interpretata da Dichen Lachman e debutta ne Il Giorno dell'Unità. Era il capo del Clan dei Boschi. E' stata il mentore del comandante terrestre, Lexa.

Anya era un abitante originale della Terra. Ha vissuto con il suo clan nella zona in cui atterrarono i 100 prima degli eventi della prima serie.

Nella Seconda Stagione, è tenuta prigioniera dagli uomini della montagna che usano i Terrestri per il loro sangue. Dopo essere stata salvata da Clarke Griffin, Anya fugge da Mount Weather attraverso le miniere dei Mietitori, ma successivamente viene uccisa vicino a Campo Jaha da una guardia del campo.

Nella Serie

Prima Stagione

Ne Il Giorno dell'Unità, Anya appare per la prima volta quando si presenta alla tregua tra i Delinquenti e i Terrestri grazie a Finn e Lincoln. Cavalca su un cavallo accanto a due guardie e smonta. Va verso Clarke e si presenta. Ben presto cominciano a discutere i loro recenti conflitti con i Delinquenti e le potenziali idee per la pace. Sotto il ponte, Jasper nota dei Terrestri tra gli alberi e spara verso di loro. Bellamy e Raven fanno fuoco. Come rappresaglia, i Terrestri iniziano a sparare frecce verso i delinquenti. Uno di loro spara a Octavia, ma Lincoln riesce a bloccarlo proteggendola. Egli strappa la freccia, definendola solo un graffio e Anya fugge con i terrestri.

Ne La Calma, Anya, con l'aiuto degli altri Terrestri, rapiscono Clarke e Finn, e chiedono loro di aiutare Tris, una giovane terrestre rimasta vittima nell'esplosione della bomba che i delinquenti hanno architettato. Anya minaccia Clarke, affermando che se Tris muore, lei ucciderà Finn. Anya dice che ha bisogno di aiuto da parte di Clarke per guarire Tris perché il loro guaritore è morto. Clarke è furiosa e chiede di sapere perché hanno mandato una giovane ragazza in battaglia, e Anya spiega che Tris era con lei, come suo secondo, ed è così che si allenano i loro guerrieri. Clarke non riesce a salvare Tris, e Anya è profondamente turbata. Taglia un pezzo dei capelli di Tris e consente ad uno dei terrestri di portarla via. Anya si gira verso un altro terrestre e gli ordina di prendere Finn e ucciderlo. Clarke viene trattenuta dal terrestre rimasto come lei e grida, dicendo che ha fatto tutto il possibile per salvare Tris.

In Noi siamo Terrestrti (Parte 1), Anya tiene Clarke prigioniera nel bosco. Mentre fissa Clarke, Tristan si avvicina e dice ad Anya di aver preso il sopravvento della sua unità, su ordine del Comandante. Anya è conforme ma appena prima di decidere il destino di Clarke, Anya e Tristan vedere una fiamma in lontananza, indicando Mietitori sono stati avvistati. Anya istruisce un Grounder per uccidere Clarke e si muovono in avanti. Quando scoprendo Clarke e Finn sono ancora vivi, Anya, Tristano e pochi altri di terra della loro inseguire. Anya spara frecce al gruppo fuggono nelle gallerie Reaper. Anya urla il nome di Lincoln mentre aiutava la pena due fuggono, ma Tristan le dice di smettere di preoccuparsi per loro e si preparano per la battaglia.

In Noi siamo Terrestri (Parte 2), Anya partecipa alla battaglia tra Grounders e dei 100. Quando interrogare John Murphy, Anya può essere visto al fianco di Tristano mentre pugnala Murphy nella gamba, e si muovono in avanti sul campo. Anya, mentre arrampicata sulle colline con altri Grounders, testimoni The Ark venire al suolo. Lei ei suoi fratelli vedono come rinforzi, ma non credo che arriveranno in tempo, in modo da marzo sul campo a prescindere. Quando il tentativo delinquenti per chiudere il Dropship, Anya salta e cerca di combattere. Sopraffatto dalla quantità di Delinquenti nella nave, Anya è sicuro di attaccare. Quando lo fa, Nathan Miller la attacca, ei delinquenti cominciano calci lei. Questo viene fermato da Clarke, che dice non siamo Grounders. Quando i delinquenti escono dalla Dropship, Anya è legato, e considera i suoi fratelli morti. Improvvisamente, gli Uomini della montagna tutti rapire.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.